Una frase attribuita a Leonardo da Vinci recita: i dettagli fanno la perfezione e la perfezione non è un dettaglio.

Tra gli infiniti dettagli che caratterizzano un matrimonio ce n'è uno al quale non abbiamo ancora accennato; ne parliamo insieme questa settimana.

Ma di cosa? Dirlo non è certo un dettaglio: i guanti della sposa.

Retaggio di una tradizione che ci riporta indietro nel tempo, sono un ricordo di quando facevano parte del vestire quotidiano e indossarli il giorno delle nozze non esulava dall'essere una consuetudine piuttosto ordinaria.

Come tutte le tradizioni da onorare, ecco che i guanti costituiscono un aspetto importante dell'abito della sposa e del giorno del matrimonio.

C'è qualcosa che non sia fondamentale in questo giorno?

Ironia a parte, ci sono anche tradizioni molto romantiche legate ai guanti; una di queste vuole che fossero un regalo per la ragazza di cui ci si era invaghiti, un simbolo di devozione e amore eterno. Se la giovane li indossava, allora, ricambiava il sentimento.

Oggi, al di là del legame col passato sono un forte simbolo di grazia, raffinatezza ed eleganza.

Come sceglierli? Come indossarli?

Per colore e tessuto devono legare alla perfezione con l'abito della sposa, per quanto riguarda il momento giusto per farne sfoggio, ci sono piccole cose da dover specificare.

Dovranno essere tolti una volta entrati in chiesa e adagiati accanto al bouquet, mai indossati una volta seduti a tavola, mentre, per tutti gli altri momenti non c'è alcun impedimento se non il disturbo di doverli sfilare numerose volte per mostrare la fede ai propri ospiti.